Snobismi parigini da Fashion Snobber

by fashionsnobber

Leggendo il libro “Come essere una parigina ovunque tu sia” edito da Mondadori ho scoperto che alcune mie caratteristiche comportamentali le hanno chiamate “snobismi parigini“. Cosa vi devo dire, a quanto pare, forse, a Parigi sarei meno considerata come una stronza. ;)




Essere una persona snob

Vocabolario e Wikipedia sentenziano:
Snob. Sostantivo maschile e femminile e aggettivo. Significato: persona che nell’atteggiamento o nel comportamento ostenta un’aristocratica, spesso eccentrica e non di rado ridicola distinzione e raffinatezza, nel tentativo di identificarsi con una categoria sociale superiore. Snob è un termine che viene utilizzato per identificare una categoria di persone che imitano i modi ed il modo di vivere di classi sociali superiori, atteggiandosi in maniera raffinata e altezzosa.
Se ne deduce sia una caratteristica percepita in maniera negativa, non certo una qualità o motivo di vanto.
Ora. Che io venga definita snob da un buon 80% di persone ormai è un dato di fatto. E il 20% che non lo pensa è solo perché ha imparato a conoscermi lo è altrettanto. Ma quali sono questi snobismi parigini che a quanto pare mi rendono così snob vista da fuori e a pelle?

Snobismi parigini, o meglio, da Fashion Snobber

Snobismi parigini da Fashion Snobber - Parisian snobberies by Fashion Snobber.

Ho preso ogni punto di questi snobismi parigini e ad ognuno ho cercato di spiegare il perché e per come mi comporto così. Alla fine credo fermamente, in diversi punti, potreste ritrovarvici serenamente anche voi.

* La sera del 31 dicembre, mangiare da sola un piatto di frutti di mare e andare a letto prima di mezzanotte. (Perché in realtà è stata organizzata una prefesta a casa la sera prima, “la migliore dell’anno”.)

Ho sempre odiato le feste imposte, tranne il Natale, in cui si debba per forza fare festa e divertirsi. Perché dover uscire quando escono tutti? Perché spendere di più quando la stessa cena, un mese prima, o dopo, la paghiamo la metà? E si, confermo, le mie serate più belle e indimenticabili sono state tutte al di fuori di ricorrenze. E’ davvero così snob come ragionamento?

* A tavola, non augurare mai “buon appetito!” ai propri commensali (così come non passare mai il sale di mano in mano).

Non lo auguro mai perché mi è stato detto in realtà non sia buona educazione e il sale perché porta male. Quindi gli snob sono anche superstiziosi?

* Abbandonare una festa (anche quella che avete organizzato voi) quando ha raggiunto il culmine.

Essendo una persona che si annoia facilmente quando abbandono una festa è solo perché ho ritenuto non ci fosse altro da vedere, qualcuno in più da incontrare o semplicemente perché avevo sonno. Cosa c’è di male? Per me si chiama libero arbitrio.

* Mettere insieme il nero e il blu marine (sono come il rosa e il rosso di Yves Saint Laurent).

Fatto, rifatto e lo rifarei. Non credo ci siano davvero colori non abbinabili tra loro se il resto del look ha buon senso di esistere.

* Quando si vede qualcuno per la prima volta, non dire “piacere” ma “piacere di conoscerla” (non si sa mai che cosa riserva il futuro).

E’ difficile io dia del Tu in generale figuriamoci a chi ho appena conosciuto. E’ pura educazione, ma capisco negli ultimi tempi si sia andata dimenticando e questo risulti freddezza o “modi affettati”.

* Dire La Recherche (intendendo il libro di Marcel Proust A’ la Recherche du temps perdu).

Mi pare ovvio che chi ama la letteratura o legge molto dia per scontato un capolavoro simile sia riconoscibile anche abbreviandone il titolo. O no? Non lo facciamo un po’ con tutto?

* Non usare abbreviazioni negli sms (e riservare gli emoticon solo agli amici).

Sono una donna oltre i 30, per fortuna so ancora scrivere e accetto i miei anni che passano. Abbreviare fa un tantino adolescente. Fase che ho superato consapevolmente da un bel pò.

* Rifiutarsi di seguire la moda (ma ritenere che la moda ci segua).

Mi sembra palese io non segua la moda quanto più uno stile intramontabile. Ciononostante avendola studiata è l’argomento che conosco meglio e, di fatto, ho un blog di moda. Ma, come dico sempre, questo non fa di me una classica fashion blogger capace solo di seguire le tendenze da passerella a prescindere. Piuttosto le evito come la peste. Quindi si, mi rifiuto categoricamente di seguire la moda nonostante faccia parte della mia vita.

* Non perdere mai il controllo di sé (ma avere un passato decisamente sovversivo).

In realtà ogni tanto lo perdo ma solo quando mi si chiude la vena altrimenti devo avere sempre tutto sotto controllo. Gli imprevisti non mi piacciono affatto.

* Essere molto amica di persone di generazioni diverse dalla propria (più giovani e più vecchie, ma soprattutto più vecchie).

Seleziono le mie amicizie in base alle esperienze di vita e modi di pensare, non mi baso certo su numeri anagrafici. Ovviamente chi ha più esperienza di me trovo sia una conoscenza migliore da cui poter imparare e crescere costantemente. E questo direi vale un po’ per tutti, non solo per gli snob.

* Ammettere di essere snob (offendersi all’idea che si possa anche solo pensare il contrario).

Lo ho sempre ammesso perché mi fa da scudo oltre al non vederci niente di male. Se ti poni come snob non hai da giustificarti se tendi ad essere una persona molto riservata che si apre poco. Capite cosa intendo?

Insomma, alla fine penso che se tutte queste cose ci fanno essere o sembrare snob non ne percepisco il senso negativo. Per quanto mi riguarda le interpreto semplicemente snobismi parigini di una personalità riservata ma libera. Una consapevolezza caratteriale in cui una persona sceglie di aprirsi e mostrarsi meno o più lentamente degli altri. Un valutare con chi e come farlo. Libera di scegliere. Non penso questo sia sinonimo di essere altezzose o stronze o antipatiche. Quelle sono caratteristiche da riscontrarsi negli individui invidiosi, negativi e soprattutto molto infelici. Cosa che non rientra nell’essere snob. Non credete anche voi? Siamo tutti un po’ snob a volte. Perché vergognarcene?

Snobismi parigini tratti dal libro Come essere una parigina - Parisian snobbish traits from book How to be a Parisian.



You may also like

27 comments

Marilu 27.06.2017 - 12:54

devo leggere questo libro assolutamente :-)

Reply
manuelita 26.06.2017 - 10:10

buon inizio settimana!!!
baciii

http://www.unconventionalsecrets.com/

Reply
Martina 26.06.2017 - 7:10

Ma allora sono snob anch’io! :)
Fantastica questa recensione Luna, devo leggerlo anch’io questo libro!
Baci baci
Martina
http://www.pinkbubbles.it

Reply
tr3ndygirl fashion & beauty blog 26.06.2017 - 4:45

buon inizio settimana :*
#RegaloSpeciale personalizzabile su Fotoregali
un bacione

Reply
Gina Beltrami 24.06.2017 - 18:19

mi piaci snob così come sei! ottimo post Luna,
bacioni Gina

new post
F-Lover Fashion Blog by Gina Beltrami

Reply
audrey 23.06.2017 - 13:55

no, vabbè, geniali!! in particolare, quello su capodanno (festa che odio) lo trovo perfetto: quest’anno se non sono in viaggio organizzo una festa il 30 e il 31 champagne e nanna ;-)
volevo leggere questo libro da un po’ ma non mi convinceva… l’hai fatto tu, però. quindi lo prenderò!

Reply
tr3ndygirl fashion & beauty blog 23.06.2017 - 3:56

e niente, ho scoperto leggendoti che forse sono un pò snob pure io :D
nuova recensione sul mio blog
Lista tendenze moda estate 2017
un bacione

Reply
Desires In Style 22.06.2017 - 22:09

Rientriamo in quasi tutti questi punti! :D … Con questo post ci hai fatto scoprire un po’ più di te e dobbiamo dire che ci piaci ancora di più ora! Il libro è nella lista dei nostri prossimi acquisti ;)
Un bacione Luna
Buona serata
Agnese & Elisa
http://desiresinstyle.com

Reply
Silvia Negretti 22.06.2017 - 19:24

Oddio ma vuoi vedere che sono snob pure io??? E dire che non l’ho mai nemmeno minimamente sospettato! cioè io mi sono sempre considerata “selettiva” nella scelta di cose, persone e situazioni, ed ho sempre tranquillamente ignorato chi o quello che non mi interessa, ma non è che mi atteggio da altezzosa o cose del genere… Ed in realtà non ho neppure mai pensato davvero che tu fossi snob, perchè sei spiritosa ed intelligente, quindi davo a questa tua auto-definizione un’accezione per lo più ironica, magari anche dettata dal fatto che sei una persona ben educata e che (giustamente) ad educazione ebon ton ci tieni.
Però a quanto pare rientro nel 90% dei punti che hai elencato quindi potrebbe essere che sia snob senza saperlo? Boh… Vabbè, sia come sia mi vado bene come sono in ogni caso! ^-^
Baci, bellezza!
S
https://s-fashion-avenue.blogspot.it

Reply
serena 22.06.2017 - 11:15

Mi rispecchio molto nelle ultime frasi che hai scritto, io sono esattamente così non do confidenza ne mi apro facilmente con chi non conosco e molte volte mi sono sentita dare della snob. Saranno le esperienze, sarà che sono fatta così, sarà che non ripongo fiducia a prescindere negli altri ma questo mio atteggiamento è una mia caratteristica e quando mi dicono che sono una snob non me la prendo perchè quelle stesse persone che lo affermano non mi conoscono affatto e mi va più bene così :)
un bacione
admaiorasemper.website

Reply
babaluccia 22.06.2017 - 10:24

Conosco questo libro che però non ho ancora avuto il piacere di leggere, snob lo sono anche io non seguo la moda e per me blu e nero si sposano perfettamente figurati che ho addirittura acquistato in Francia degli abiti con questi due colori abbinati ed anche firmati per altro !
E poi sai cosa ti dico? Siamo quel che siamo e se non piacciamo AMEN

Reply
manuelita 22.06.2017 - 8:30 Reply
Paola 22.06.2017 - 3:33

Io non ho mai pensato che tu fossi snob in un senso negativo…forse perchè anch’io mi ritengo snob :-) e infatti mi ritrovo in tutti i punti che hai elencato qui sopra! Dici che sono grave? ahah
Comunque anch’io sono molto riservata e selettiva…non ho l’obiettivo di piacere per forza a tutti e pur cercando di essere sempre gentile, sono simpatica solo con chi mi sta simpatico!:D
Leggerò questo libro!
Un bacio
Paola
http://www.pollywoodbypaolafratus.com

Reply
roberta 22.06.2017 - 0:33

Quel libro mi ha incuriosito fin dal principio! Non sapevo l’avessero tradotto anche in italiano, lo devo leggere assolutamente!
Ahahha in effetti in base a parecchi di questi punti sarei un po’ snob anche io XD E non me ne vergogno!
Un bacione :*

Reply
Cinzia Satta 21.06.2017 - 20:52

Questo libro lo sta leggendo una mia amica, mi sa che poi me lo faccio prestare. A volte lo snobismo fa rima con l’essere discrete e selettive, chi più chi meno lo siamo tutti,
Bacione Luna!
Cinzia

http://Www.callmeblondiebycinziasatta.com

Reply
Carmen Cotugno 21.06.2017 - 16:23

dai ma sto libro deve essere una forza, comunque approvo alcuni punti del snobismo parigini, in primis il non usare abbreviazioni in sms, non lo sopporto haha
un bacio

Reply
manuelita 21.06.2017 - 10:00

interessante questo libro, mi ispira parecchio
baci

http://www.unconventionalsecrets.com/

Reply
Vivy 21.06.2017 - 8:59

Diciamo….che ho solo qualche punto snob:) Un abbraccio http://www.vlifestyle.it

Reply
Marta 21.06.2017 - 8:49

Tanto per cominciare questo libro lo devo assolutamente leggere…..e poi, tante cose,tanti comportamenti, non è essere snob ma essere se stesse!!!!
Baciiiiiiiii
Marta

http://www.lagattarosablog.it

Reply
little fairy fashion 21.06.2017 - 7:06

Non ti nascondo Luna che mi ci ritrovo in tantissimi punti che hai elencato.
Mi sa tanto che sono snob anch’io…..bellissimo post! Kiss
Nuovo post “BOOM, PITTI BLOOMS tra appuntamenti, eventi e sfilate” ora su http://www.littlefairyfashion.com

Reply
Rossella 20.06.2017 - 17:25

Anche io tempo fa avevo fatto un post su questo libro che lessi un anno fa! L’ho trovato illuminante! Fantastico perché io mi rivedo in un sacco di situazioni descritte nel libro! Siamo parigine in fondo anche anche noi !
Bacioni
http://www.glitterchampagne.com

Reply
Mariateresa Scotti 20.06.2017 - 15:20

Lo voglio assolutamente!
Un bacione,
Mariateresa Scotti

Reply
Franci 20.06.2017 - 14:38

Anche io mi sono sentita spesso dare della snob, ma devo dire che se tu rispetti tutti i punti indicati sopra… mi batti alla grande!! :D
Un bacione bella! ? F.

La Civetta Stilosa

Reply
Luna 20.06.2017 - 12:03

Mi sono sempre sentita diversa, o mi ci hanno fatta sentire, con questo non voglio dire di rivedermi in questi punti o comunque non in tutti.
W l’essere se stessi a costo di essere criticati.

Baci
Lu
http://piulifechestyle.blogspot.it/

Reply
Chiara 20.06.2017 - 11:58

E’ sempre bello leggerti, un abbraccio!!!!!
Chiara – http://www.shesinfashionblog.com

Reply
marina 20.06.2017 - 10:55

Oh Luna, sono più snob di quanto pensassi!! :)
lo leggerò allora!!
marina
http://www.sweetlavanda.it

Reply
Elisabetta 19.06.2017 - 20:16

Anche io lo sono e questi tuoi punti mi hanno dato la conferma! Baci

Reply

Leave a Comment

* Utilizzando questo modulo acconsento al trattamento dei miei dati personali per l’invio di questo commento. ** By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per saperne di più sui cookies e come cambiare le impostazioni, consulta l'Informativa Privacy e Cookie. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accept Read More >>